Controlla le nostre offerte | Coronavirus-COVID 19 | SPEDIZIONE GRATUITA SOPRA I 65€

Blog

  1. CONTRASTARE LA CELLULITE CON COMPEX: 3 CONSIGLI FONDAMENTALI

    CONTRASTARE LA CELLULITE CON COMPEX: 3 CONSIGLI FONDAMENTALI

    La cellulite, anche nota come “buccia d’arancia”, è il peggior incubo di molte persone, specialmente delle donne. Il genere femminile ha infatti una maggiore predisposizione per questo inestetismo rispetto a quello maschile e c’è una spiegazione scientifica: la pelle è generalmente più sottile e nella donna gli strati di grasso si sviluppano più in superficie; ma soprattutto, il corpo femminile è composto da una percentuale di grasso maggiore in quanto è "progettato" per fornire energia al bambino durante la gravidanza e l'allattamento e sono gli ormoni femminili (estrogeni e progesterone) a guidare l’accumulo di grasso in determinate zone del corpo come fianchi e glutei.

    Cellulite: rimedi nella vita quotidiana e supporto Compex

    È difficile combattere la componente genetica, ma possiamo comunque agire modificando altri fattori come il nostro stile di vita, in modo da ritardare, evitare e in alcuni casi persino eliminare la cellulite.
    Vediamo insieme alcuni accorgimenti utili non solo per contrastare la cellulite, ma soprattutto per migliorare la nostra salute e il nostro stile di vita.

    PIÙ FORZA – MENO CARDIO

    In generale, quando decidiamo di combattere la cellulite, la tendenza della maggior parte delle persone è di iniziare a fare esercizio aerobico, lasciando il lavoro di forza e tonificazione per quegli scarsi 5 - 10 minuti alla fine dell’ora che, ad esempio, passiamo sull'ellittica.

    Cominciamo a dire che una delle cause che contribuiscono alla comparsa del grasso è la mancanza di tono muscolare, quindi tutte quelle ore sull’ellittica serviranno a poco senza esercizi di forza e tonificazione...

    Nella tua routine di allenamento settimanale, combina sessioni di lavoro aerobico (camminata, corsa, ciclismo, ecc.) con 2-3 sessioni specifiche a settimana per forza e tonificazione.

    Sebbene non esistano esercizi specifici che permettano di eliminare il grasso localizzato, includendo o concentrandoti maggiormente su alcuni esercizi specifici per i glutei e le cosce, migliorerai significativamente il tono delle zone più soggette agli inestetismi della cellulite.

    Inoltre, combinando il lavoro di forza con l’elettrostimolazione, avrai un alleato in più per combattere la cellulite. Gli esercizi ideali per lavorare con Compex sono proprio quelli che mirano a lavorare sulle "zone ostinate”:

    • Squat – per glutei e quadricipiti
    • Ponte - per glutei, addome, parte bassa della schiena e gambe
    • Aperture laterali - per adduttori e abduttori

    Includili alla fine della tua sessione di forza, seleziona il programma “Tonificazione cosce” per gli esercizi di squat e le aperture laterali e il programma “Glutei Scolpiti” per il ponte. Non è indispensabile terminare tutto il programma: puoi anche eseguire un massimo di 10 cicli di contrazione/rilassamento per ciascuno degli esercizi.

    NON TRASCURARE IL RIPOSO E IL RECUPERO

    A causa dello stile di vita frenetico che conduciamo, il riposo e il recupero sono fattori a cui dedichiamo poco tempo e a cui diamo scarsa importanza, con la conseguenza che lo stress causa un aumento dei livelli di cortisolo.

    Senza entrare troppo nei dettagli, il cortisolo è un ormone che, se presente a livelli troppo alti, fa ingrassare.

    Pertanto, se riusciremo a mantenere corretti livelli di cortisolo... eviteremo la perdita di massa muscolare e l'aumento di grasso.

    Riposo, dunque: ma attenzione, perché quando diciamo riposo non intendiamo sdraiarsi sul divano senza fare nulla (anche se di tanto in tanto non è male, purché non diventi un'abitudine), bensì intendiamo un riposo di qualità. La nostra raccomandazione è:

    • Dormi tra le 7 e le 9 ore per notte (come da raccomandazioni OMS).
    • Dopo l’allenamento, usa l’elettrostimolazione Compex con il programma “Recupero post allenamento”, così da recuperare in modo ottimale immediatamente dopo le sessioni di attività fisica, oppure scegli il programma “Massaggio Rilassante” alla fine della giornata per migliorare il riposo notturno e goderti un momento di relax tutto per te.

    MIGLIORA LA CIRCOLAZIONE CON IL DRENAGGIO LINFATICO

    Lo stile di vita sedentario a cui siamo attualmente sottoposti può farci trattenere dei liquidi.

    Le donne sono più soggette alla ritenzione idrica perché nella stragrande maggioranza dei casi ciò questo avviene periodicamente a un certo punto del ciclo, in prossimità dell’ovulazione.
    Compex ha una soluzione anche per questo!

    Oltre a poter utilizzare l’elettrostimolazione per migliorare il tono muscolare e accelerare il riposo e il recupero post-allenamento, il programma “Drenaggio Linfatico” è estremamente utile perché in grado di attivare la circolazione del ritorno linfatico e quindi contrastare la ritenzione dei liquidi.

    Inoltre, puoi migliorare la circolazione grazie alla pressoterapia: Compex AYRE sono i gambali wireless di nuova generazione ideali contro cellulite e gonfiore. Scopri di più leggendo questo articolo del nostro blog: www.compex.com/it/blog/pressoterapia-casa-compex-ayre/

     

    COMPEX ITALIA SEMPRE CON TE

    Siamo al tuo fianco e a quello di tantissimi atleti, amatori e persone qualsiasi, dalla ricerca della performance, al recupero post infortunio, dal massaggio post fatica alla cura degli inestetismi.

    In Compex abbiamo un solo obiettivo: il benessere delle persone.

    Leggi i consigli dei nostri esperti sul blog ufficiale, gli approfondimenti specifici iscrivendoti al nostro Strava Club, guarda le interviste ai nostri atleti sul canale YouTube e seguici su Facebook e Instagram per non perdere nessuna novità. Ascolta anche il podcast di Compex Italia, su Spotify o alle principali piattaforme di streaming audio.

  2. COME PREPARARE LA PRIMA GARA DI TRIATHLON

    COME PREPARARE LA PRIMA GARA DI TRIATHLON

    La stagione è finalmente iniziata e in questo articolo vogliamo fornirti degli spunti su come preparare la prima gara di triathlon. Tratteremo i diversi aspetti della preparazione: dall’allenamento alla nutrizione, dalla scelta dell'attrezzatura a come affrontare il giorno della gara. Risponderemo alle domande più comuni tra i neofiti e speriamo di fornirti alcuni suggerimenti utili!

    Giulio Molinari - atleta Compex Giulio Molinari - atleta Compex

     

    1 – ALLENAMENTO E NUTRIZIONE

    Quanti allenamenti fare a settimana durante la preparazione alla gara e come suddividerli tra le tre discipline?

    Dalle 15 alle 20 ore settimanali in totale, uscendo in bicicletta 3-4 volte a settimana, e più o meno lo stesso per la corsa e il nuoto.

     

    Per coloro che hanno appena iniziato a praticare triathlon, è consigliabile affidarsi a un allenatore? Partecipare ad allenamenti di gruppo? O semplicemente fare da solo?

    La risposta è soggettiva, perché dipende dalle persone. Se il tuo obiettivo principale è solo quello di divertirti, potrebbe essere sufficiente chiedere consigli, leggere e documentarsi. Tuttavia, se il tuo obiettivo è avere una buona prestazione, entrare in una squadra è l’ideale perché puoi trovare un allenatore e dei compagni di squadra. Questa è la scelta ottimale per il lungo termine, perché i tuoi allenamenti saranno ben organizzati e i tuoi compagni di squadra ti saranno da stimolo quotidiano per spronarti a fare di più e meglio quando la motivazione non sarà al massimo.

     

    Quando si inizia ad allenarsi per il primo triathlon, ci si dovrebbe concentrare su una particolare disciplina rispetto alle altre due? O si dovrebbe distribuire equamente il tempo tra le tre?

    Dovresti sempre allenarle tutte e tre allo stesso modo, a meno che tu non ti senta molto debole in una delle tre discipline. È sempre meglio allenare le tue debolezze più che i tuoi punti di forza. Non esiste una scorciatoia: allenamento, costanza, determinazione e pazienza saranno le chiavi del successo.

     

    Spesso chi intraprende con entusiasmo un nuovo sport rischia di strafare. Quanto è importante non esagerare con il carico e quanto conta il riposo?

    Il tuo corpo ha bisogno di recuperare. Farsi seguire da un allenatore è meglio perché potrà pianificare i tuoi tempi di recupero. È molto importante ascoltare attentamente il tuo corpo e quali messaggi ti sta inviando. È naturale e comprensibile volere fare sempre di più, ma questo è il modo migliore per stressare il tuo corpo e rimanere senza benzina o, peggio, procurarti un infortunio.

     

    Bisogna allenare le transizioni tra le discipline?

    Sì, certamente! Ci sono sessioni specifiche in cui il tuo focus è sulla transizione, dal nuoto alla bici, o dalla bici alla corsa. Almeno una volta alla settimana, sulle distanze più brevi, ma con un'intensità da giorno di gara!

     

    In uno sport che comporta il consumo di molte calorie dati i lunghi e intensi sforzi, quanto conta l’alimentazione?

    È molto importante curare l’alimentazione e seguire delle abitudini corrette per fornire al tuo corpo l’energia e i nutrienti che occorrono per poter svolgere bene le tue sessioni di allenamento. Assicurati di avere qualche giorno libero da restrizioni di tanto in tanto: un piccolo “sgarro” ogni tanto fa bene al corpo e alla mente!

     

    2 – INVESTIRE NELL’ATTREZZATURA GIUSTA

    Da dove si dovrebbe iniziare a cercare quando ci prepariamo per il nostro primo triathlon e di quale investimento economico si tratta?

    Dato che è la prima gara e magari non sai se continuerai con questo sport, forse non è il caso di investire nelle cose più costose. Procurati una buona bici da strada con cui ti senti a tuo agio (è qui che probabilmente trascorrerai la maggior parte del tempo). Quindi cerca una buona muta per il nuoto in acque libere e magari un paio di accessori per le sessioni in piscina per lavorare sulla tecnica. Infine, trova un buon paio di scarpe da corsa. Man mano che migliorerai, diventerà sicuramente più costoso, ma per iniziare non hai bisogno dell’equipaggiamento di un professionista.

     

    3 – AVVICINAMENTO ALLA TUA PRIMA GARA DI TRIATHLON

    Nel corso della preparazione alla gara, potrebbe essere utile mettersi alla prova gareggiando su distanze più brevi, come una 10 km, o una corsa di nuoto?

    Se ti sei allenato bene non è necessario, a meno che tu non stia preparando un Ironman, nel qual caso potrebbe essere utile allenarsi su distanze più brevi come una mezza maratona. Nel caso di una prima gara, direi che forse fai il tuo mini triathlon per allenare le transizioni e i ritmi del giorno della gara.

    Giulio Molinari - atleta Compex Giulio Molinari - atleta Compex

    4 – IL GIORNO DELLA GARA

    Arriva il mattino della gara e lo stress ci assale... Come fare per tenere a bada il nervosismo del giorno della gara?

    È del tutto normale! Anche se gareggi solo per divertimento, sentirai sicuramente la pressione. Tranquillizati: ti sei allenato, hai lavorato sodo, quindi resta concentrato e pensa positivo. La respirazione può davvero essere d’aiuto contro lo stress, quindi assicurati di essere calmo e rilassato. Ciò che potrebbe aiutarti a restare sereno è fare una checklist per il giorno della gara, così da non andare nel panico e assicurarti di avere con te tutto ciò che ti serve per la gara.

     

    Quale colazione preferire il giorno della gara?

    Non conviene cambiare le abitudini il giorno della gara, a partire dalla colazione. I cambiamenti sono il modo migliore per stressarsi di più, quindi  mantieni le tue abitudini! Un esempio di colazione pre gara può essere dell’avena con yogurt greco, frutta secca, un po' di frutta fresca e, naturalmente, caffè. Per un Ironman, si può anche optare per del riso, che è facilmente digeribile durante la gara.

     

    Visto che stiamo parlando di uno sforzo prolungato nel tempo, qual è la migliore strategia di alimentazione durante tutta la gara?

    Meglio programmare a che punto della gara assumere gel o barrette. Assicurati anche di bere ogni 10 minuti circa in bici. È molto importante avere un piano, in modo da non rimanere all’improvviso senza energia ed evitare quindi di mangiare troppo in una volta.

     

    Come fare il riscaldamento per la parte di nuoto la mattina della gara?

    Se possibile, è sempre consigliabile riscaldarsi sempre prima della frazione di nuoto. In caso contrario, si possono utilizzare fasce di resistenza per risvegliare i muscoli, oppure massaggiare le zone rigide con i massaggiatori della linea FIXX e magari utilizzare anche il programma di riscaldamento Compex presente sui dispostivi della gamma SPORT, per assicurarci di essere pronti a partire nel modo giusto.

     

    Qual è la cosa più importante su cui concentrarsi prima della gara?

    Non c'è una cosa in particolare sulal quale focalizzarti. Rimani concentrato e non dimenticare di goderti l'esperienza. Probabilmente ricorderai per sempre il tuo primo triathlon, quindi goditi fino in fondo questo momento!

     

    COMPEX ITALIA SEMPRE CON TE

    Siamo al tuo fianco e a quello di tantissimi atleti, amatori e persone qualsiasi, dalla ricerca della performance, al recupero post infortunio, dal massaggio post fatica alla cura degli inestetismi.

    In Compex abbiamo un solo obiettivo: il benessere delle persone.

    Leggi i consigli dei nostri esperti sul blog ufficiale, gli approfondimenti specifici iscrivendoti al nostro Strava Club, guarda le interviste ai nostri atleti sul canale YouTube e seguici su Facebook e Instagram per non perdere nessuna novità. Ascolta anche il podcast di Compex Italia, su Spotify o alle principali piattaforme di streaming audio.

  3. TRIATHLON ESSENTIALS: GLI ACCESSORI INDISPENSABILI ALL’ALLENAMENTO DEL TRIATLETA

    TRIATHLON ESSENTIALS: GLI ACCESSORI INDISPENSABILI ALL’ALLENAMENTO DEL TRIATLETA

    L'allenamento del triatleta non è uno scherzo: richiede diverse ore la settimana, allenamenti doppi, combinati, lunghi… chi sceglie la triplice porta il proprio corpo all’estremo. Qualsiasi sia il livello.

    In questo approfondimento cerchiamo di fare il punto sugli strumenti che Compex mette a disposizione del triatleta per allenarsi, recuperare e competere al meglio delle proprie possibilità.

    COMPEX SP8.0

    SP8.0 è il compagno ideale per l'allenamento del triatleta di ogni livello.

    Non è un caso se è la scelta dei professionisti, da Alessandro Degasperi a Giulio Molinari, passando per il campione del mondo Vincent Luis.

    Senza fili, dotato di tutte le tencologie MI e di tutti i programmi disponbili, permette di allenarti e goderti splendidi massaggi con la massima comodità. Non si può chiedere di più… Usalo sui rulli con il programma Endurance per ottimizzare gli allenamenti indoor, scegli tra diversi massaggi per recuperare prima tra un allenamento e l’altro, migliora la forza e tratta dolori localizzati, previeni gli infortuni.

    COMPEX SP8.0

    COMPEX RUNNER

    Non farti ingannare dal nome: Compex Runner è stato studiato dai nostri ricercatori più vicini al mondo degli sport di endurance, per venire incontro alle esigenze di base dell’allenamento e del recupero degli atleti. Una valida alternativa per qualità prezzo, da oggi anche disponibile in promozione con un bundle molto vantaggioso.

    I programmi sono pensati per permetterti di recuperare alla perfezione dai diversi allenamenti e di integrare le sessioni di forza, per costruire e mantenere una muscolatura in grado di garantire prestazioni migliori e prevenire gli infortuni.

    Tendiniti, distorsioni e contratture potranno inoltre essere trattate grazie ai programmi specifici. Completa tutto la tecnologia MI, presente con le funzioni Mi-scan, Mi-tens e Mi-range.

    Un prodotto molto mirato e con un prezzo davvero interessante: scopri di più alla pagina del prodotto.

    COMPEX AYRE

    Se cerchi qualcosa per recuperare più velocemente tra gli allenamenti Compex AYRE è il dispositivo per la pressoterapia più comodo, efficace è facile da utilizzare sul mercato.

    Ci siamo liberati di cavi, tubi e compressori a favore di praticità ed efficacia. AYRE incorpora il compressore direttamente sul gambale e, una volta acceso, raggiunge gradualmente la pressione ottimale per assicurarci il migliore dei recuperi post fatica.

    Dotato di 2 programmi: le quattro camere d'aria si gonfiano una alla volta, dalla pianta del piede fino alla coscia, oppure tutte insieme simultaneamente. La sensazione di benessere è incredibile durante il trattamente e, sopratutto, dopo.

    Le gambe saranno incredibilmente più leggere e ci sentiremo presto pronti al prossimo allenamento.

    COMPEX AYRE

    COMPEX FIXX MINI, 1.0 E 2.0

    Nella preparazione di una gara possiamo incontrare dolori localizzati, vogliamo migliorare la nostra mobilità articolare o rilassare la rigidità dei nostri fasci muscolari.

    Per questo c’è la linea Compex FIXX: in uno o due minuti di utilizzo i dispositivi Compex per il massaggio percussivo migliorano la circolazione sanguigna dell’area trattata, facilitando la distribuzione dell’ossigeno e lo smaltimento dei cataboliti cellulari.

    Inoltre, sarà possibile massaggiarsi in modo molto localizzato per sciogliere piccole contratture o lavorare su trigger poing.

    Anche prima dell’allenamento è ideale per preparare le articolazioni a tutti i movimenti cui verranno sottoposte. Utilizzare FIXX a livello delle inserzioni muscolari, a bassa velocità, può aiutare ad ampliare il ROM (Range Of Motion).

    Se non ti basta e vuoi il prodotto migliore sul mercato nella sua categoria: dai un'occhiata a FIXX2.0.

    Pensata per l'automassaggio e per essere sempre con te, non sottovalutare FIXX MINI.

    Compex FIXX2.0

    COMPEX ION E MOLECULE

    A volte il massaggio dei tessuti profondi richiede un trattamento più diretto e dinamico. Oppure semplicimente preferiamo utilizzare rullo e sfera da massaggio... Ion e Molecule innovano anche da questo punto di vista.

    La texture e il materiale del rivestimento, oltre che le 4 modalità di vibrazione, rendono Ion e Molecule due strumenti innovativi ed avanzati.

    COMPEX TRIZONE CALF

    L'allenamento del triatleta comporta affrontare spesso sedute di corsa anche impegnative.

    Rivoluzionare il concetto della compressione sportiva non era un compito facile. Compex è parte del gruppo DJO Global, azienda leader mondiale nel settore ortopedico.

    Grazie ad una collaborazione con gli esperti di DJO Performance, abbiamo portato sul mercato un prodotto unico, in grado di differenziare la compressione in modo intelligente e supportare al meglio la performance di corsa.

    La tibia ha una zona a compressione zero, per contrastare il rischio di dolori ai muscoli tibiali. Il polpaccio ha invece due diverse intensità di compressione, sui gemelli e sul soleo. Il tutto è completato da due fasce in silicone anallergico che garantiscono ulteriore stabilizzazione e scarico con un effetto simile a quello del tape. Il tessuto è in fibra di bambù elasticizzata, completamente anallergica, traspirante ed estremamente confortevole.

    Chiedila nei migliori negozi sportivi o ordinala al sito Compex Italia.

    ALTRI STRUMENTI UTILI

    Per un confronto tra tutti i nostri prodotti dedicati al recupero muscolare, fondamentale preoccupazione per un serio allenamento del triatleta dai un’occhiata alla nostra tabella comparativa.

    L’obiettivo di Compex è accompagnarti verso il benessere e la prestazione sportiva. Nella nostra gamma trovi l’ottimo Compex Tape: il kinesiotape scelto dai migliori sportivi e professionisti per le sue doti di resistenza ed ottima elasticità.

    Contrariamente a quanto molti pensano, il kinesiotape nasce per l’auto applicazione. Per supportarti in questo compito abbiamo realizzato tanti video tutorial: guardali quando devi utilizzare il tuo Compex Tape!

    Prima e dopo l'allenamento può essere utile utilizzare il roller ION o la sfera da massaggio vibrante MOLECULE. Segui Compex Italia su YouTube per scoprire i tutorial di utilizzo.

    In caso di dolori al ginocchio puoi indossare uno dei nostri tutori sportivi, ne abbiamo per diverse parti del corpo. Compex è parte del gruppo DJO Global, azienda leader mondiale nel settore ortopedico.

    Abbiamo recentemente lanciato una serie di prodotti utilissimi per la cura del dolore attraverso la terapia del caldo/freddo, come la linea Coldform, il Cold Spray e gli utilissimi Gel Pack riutilizzabili.

    allenamento del triatleta: rulli

    ACCESSORI FONDAMENTALI PER L'ELETTROSTIMOLAZIONE E L'ALLENAMENTO DEL TRIATLETA

    Se vogliamo utilizzare il nostro elettrostimolatore Compex in modo dinamico, per la core stability, sui rulli o eseguendo esercizi, non possiamo fare a meno delle fasce elastiche.

    Fondamentali per godere di un recupero completo, coinvolgendo più parti del corpo (tipicamente quadricipiti e polpacci) sono gli elettrodi lunghi a 1 bottone, da usare anche con le macchine a cavi.

    Posizionare gli elettrodi in modo corretto non è difficile e ti basta seguire le immagini sullo schermo del tuo Compex senza fili o utilizzare la guida dell’app Compex Coach. Per un posizionamento estremamente preciso puoi acquistare le penna punto motore.

    Se ti capita di viaggiare con il tuo Compex wireless ricordati che la durata della batteria è un nostro vanto. Se per esempio parti per un weekend ti basta mettere elettrodi, moduli e telecomando nella nostra borsa da viaggio per modelli wireless. Se devi portare con te anche la docking station utilizza la borsa rigida, facendo attenzione a fissare bene i moduli.

    RESTA AGGIORNATO SU COMPEX

    Puoi leggere gli approfondimenti legati agli sport di endurance al nostro Strava Club Compex Italia e sul nostro blog.

    Condividi la tua passione per l'allenamento e il benessere con noi: seguici su Facebook e Instagram.

    Trovi tutorial e approfondimenti su YouTube e al podcast di Compex Italia su Spotify e alle principali piattaforme di streming.

    Per utilizzare al  meglio il tuo Compex scarica gratuitamente l’applicazione Compex Coach o parla con un nostro esperto tramite il servizio di formazione online.

  4. 8 STEREOTIPI DA SFATARE SULL’ALIMENTAZIONE

    8 STEREOTIPI DA SFATARE SULL’ALIMENTAZIONE

    Sfatiamo insieme 8 tra i più comuni e famosi stereotipi sull'alimentazione.

     

    #1: BISOGNA EVITARE I CARBOIDRATI PER PERDERE PESO

    Il dimagrimento è dato dal deficit calorico: se mangi più calorie di quelle che bruci aumenterai di peso, mentre se bruci più calorie di quelle che mangi lo perderai, così come lo manterrai se bruci quanto consumi. Ad esempio, se mangi un hamburger da 2.000 calorie, non aumenterai né perderai peso se è questo il tuo apporto calorico quotidiano (non lo consigliamo, ovviamente!).
    I carboidrati, assieme a proteine e grassi, sono macronutrienti indispensabili per il corretto funzionamento del nostro organismo ed è sbagliato demonizzarli ritenendoli responsabili dell'aumento o della perdita di peso; le responsabili sono piuttosto le calorie in eccesso.

     

    #2: ALLENARSI A STOMACO VUOTO AIUTA A DIMAGRIRE

    Affrontando una sessione di allenamento a stomaco vuoto si corre il rischio che il corpo utilizzi le risorse muscolari, cioé che vada incontro alla perdita di massa muscolare. Questo è spesso controproducente per il corpo. L’ideale sarebbe mangiare una piccola quantità di carboidrati e di proteine ​​circa un'ora prima dell'allenamento: in questo modo darai al tuo corpo il carburante di cui avrà bisogno per svolgere al meglio l’allenamento.

     

    #3: BERE UN SUCCO DI FRUTTA È COME MANGIARE UN FRUTTO FRESCO

    Questo non è vero per due ragioni. Innanzitutto perché nel succo di frutta non troviamo le fibre che invece sono contenute nella frutta fresca: ciò significa che finirai per assumere meno nutrienti e perdere molti dei benefici delle fibre.
    In secondo luogo, consideriamo la quantità di frutta necessaria per ottenere un bicchiere di succo. Probabilmente avrai bisogno di 5 arance per ottenere un bicchiere di succo d'arancia, e questo alla fine si traduce con un bilancio energetico sfavorevole.

     

    #4: LE PROTEINE DEL SIERO DEL LATTE SONO CONSIDERATE FARMACI CHE MIGLIORANO LE PRESTAZIONI

    Le proteine del siero del latte (whey protein) ​​in polvere non possono essere considerate un farmaco semplicemente perché si trovano normalmente negli alimenti (pollo, uova, ecc.). le proteine in polvere si rivelano utili e molto pratiche quando dobbiamo consumare proteine ​​per il reintegro post-allenamento.
    Tuttavia, per quanto non siano dannose, non bisogna abusarne e non dovrebbero mai sostituire tutti i tuoi pasti! Dovresti assumere la maggior parte delle proteine ​​dal cibo e lasciare gli integratori in polvere a dopo l'allenamento.

     

    #5: LE PROTEINE VEGETALI SONO IN ASSOLUTO LE MIGLIORI

    C'è un grande malinteso sul fatto che gli alimenti vegani siano sempre in assoluto migliori per il corpo perché sono tecnicamente migliori per l'ambiente. Ci sono molti anti-nutrienti nelle proteine ​​vegane, che interferiscono con l’assorbimento dei nutrienti, impedendo così al corpo di assimilare tutte le sostanze nutritive del cibo.
    Questo è il motivo per il quale le proteine ​​vegane non possono essere considerate migliori delle normali proteine.

     

    #6: LE UOVA SONO DA EVITARE PERCHÈ CONTENGONO ALTI LIVELLI DI COLESTEROLO

    Il colesterolo è un grasso fondamentale prodotto dall’organismo che svolge importanti funzioni e normalmente il corpo è in grado di regolarlo molto bene, indipendentemente dal numero di uova che mangi. Se l’apporto di colesterolo è troppo alto, il corpo ne diminuirà la produzione, mentre se ne introduci troppo poco, il tuo corpo ne produrrà di più. In sintesi, più assumiamo colesterolo e meno ne produciamo.
    Tuttavia, se hai alti valori di colesterolo nel sangue, faresti bene a controllarli prestando molta attenzione alla tua dieta.

     

    #7: NON MANGIARE DOPO LE 6 DI SERA SE VUOI DIMAGRIRE

    Circa il 90% delle persone si allena dopo il lavoro, quindi di solito tra le 17:00 e le 20:00. Per recuperare bene dopo un allenamento o un’attività fisica intensa, hai bisogno sia di cibo che di sonno. Se ti alleni alla fine della giornata e poi salti la cena, non stai di certo ottimizzando il recupero. E anche se ti alleni in un altro momento della giornata, hai comunque necessità di recuperare con l’alimentazione per una questione di bilancio energetico. Mangiare le calorie di cui il tuo corpo ha bisogno per raggiungere i tuoi obiettivi è davvero ciò che conta quando si parla di perdere peso.
    Se ti alleni tardi e dopo non hai tempo o voglia di mangiare un pasto completo, puoi sostituire la cena con una bevanda ricca di proteine, ​​come ad esempio un frullato. È sconsigliato andare a letto a stomaco vuoto, soprattutto dopo l'allenamento: non dormirai bene e il tuo corpo avrà difficoltà a recuperare correttamente.

    A proposito di recupero, Compex è un alleato insostituibile e mette a disposizione degli sportivi di qualsiasi livello, un’ampia gamma di prodotti per alleviare gli indolenzimenti muscolari post-allenamento, recuperare meglio e più velocemente: elettrostimolatori, pressoterapia, massaggiatori a percussione e altri dispositivi per l’automassaggio.

    Pressoterapia Compex AYRE

     

    #8: GLI ENERGY DRINK SONO IMPORTANTI PER LA PRESTAZIONE

    Le bevande energetiche non sono consigliate per aumentare la prestazione sportiva. Certo, contengono caffeina e danno energia, quindi ti fanno sentire pronto e reattivo prima dell'allenamento. Tuttavia, stai principalmente pagando il marchio (di solito costoso) per qualcosa che non è necessario, perché puoi creare tu a casa la tua “spinta” pre-allenamento: ad esempio il caffè è un ottimo energizzante, oppure i sali minerali aggiunti nella borraccia dell’acqua che porterai con te durante l’allenamento. Senza dubbio è la tua motivazione il miglior booster pre-allenamento che ci sia e dovrebbe alimentarti meglio di qualsiasi bevanda energetica sul mercato.

    Siamo al tuo fianco e a quello di tantissimi atleti, amatori e persone qualsiasi, dalla ricerca della performance, al recupero post infortunio, dal massaggio post fatica alla cura degli inestetismi.

    In Compex abbiamo un solo obiettivo: il benessere delle persone.

    Leggi i consigli dei nostri esperti sul blog ufficiale, gli approfondimenti specifici iscrivendoti al nostro Strava Club, guarda le interviste ai nostri atleti sul canale YouTube e seguici su Facebook e Instagram per non perdere nessuna novità. Ascolta anche il podcast di Compex Italia, su Spotify o alle principali piattaforme di streaming audio.

  5. GLUTEI SCOLPITI CON COMPEX

    GLUTEI SCOLPITI CON COMPEX

    Ottenere glutei scolpiti e perfetti è un desiderio comune a molte. L'elettrostimolazione Compex viene in nostro aiuto: scopriamo come.

    Glutei perfetti con Compex

    Le cause dei glutei poco sodi

    I glutei sono i muscoli più grandi e forti del nostro corpo ed è proprio grazie a questi muscoli (tra gli altri) che siamo in grado di stare in piedi. Sono infatti principalmente coinvolti in movimenti quali la camminata, la corsa o il salto ma, se non vengono sufficientemente utilizzati, tendono a perdere le loro qualità di forza e compattezza; conseguenza della perdita di tale forza è la progressiva diminuzione della tonicità dei muscoli che si indeboliscono e quindi si rilassano.

    Questa carenza di tonicità ha un effetto poco gradevole sulla silhouette poiché è responsabile del cedimento dei tessuti muscolari e anche di un antiestetico incremento del volume dei glutei stessi.

    Gluetei scolpiti: come usare il tuo elettrostimolatore Compex

    Compex è un validissimo aiuto per rinforzare e tonificare efficacemente i muscoli glutei grazie alla capacità di svolgere un lavoro mirato che ha l’obiettivo di tonificare senza però compromettere il volume muscolare. La qualità degli impulsi Compex è tale da penetrare in profondità nel tessuto muscolare molto più efficacemente rispetto all’allenamento tradizionale (sia esso a corpo libero o con i pesi).
    Per un trattamento d’urto, si raccomanda il programma "Glutei scolpiti" della durata di almeno 6 settimane di sedute di elettrostimolazione, per tre volte a settimana, avendo cura di aumentare l’intensità progressivamente durante ogni singola seduta e per tutta la durata del trattamento.

    Il programma Compex più indicato è il programma “Fitness” denominato GLUTEI SCOLPITI.

    Dopo le sei settimane di trattamento, si consiglia il mantenimento muscolare attraverso una singola seduta a settimana per non perdere i risultati acquisiti. L’ideale sarebbe svolgere contemporaneamente un'attività fisica regolare: ne beneficieranno non sono i glutei, ma tutti i muscoli del corpo, per un benessere a 360°.

    Posizionamento elettrodi consigliato 1
    Posizionamento elettrodi consigliato 2

    Sul canale YouTube di Compex Italia puoi trovare utili tutorial per allenarti con Compex. Guarda qui il video su come allenare i glutei in isometria.

    Non hai ancora un Compex? Scegli il migliore per te tra quelli della linea Fitness.

    Siamo al tuo fianco e a quello di tantissimi atleti, amatori e persone qualsiasi, dalla ricerca della performance, al recupero post infortunio, dal massaggio post fatica alla cura degli inestetismi.

    In Compex abbiamo un solo obiettivo: il benessere delle persone.

    Leggi i consigli dei nostri esperti sul blog ufficiale, gli approfondimenti specifici iscrivendoti al nostro Strava Club, guarda le interviste ai nostri atleti sul canale YouTube e seguici su Facebook e Instagram per non perdere nessuna novità. Ascolta anche il podcast di Compex Italia, su Spotify o alle principali piattaforme di streaming audio.

  6. ELETTROSTIMOLAZIONE E GRAVIDANZA: MANTENERE E RECUPERARE LA FORMA FISICA

    ELETTROSTIMOLAZIONE E GRAVIDANZA: MANTENERE E RECUPERARE LA FORMA FISICA

    Elettrostimolazione e gravidanza: un tema molto spesso oggetto delle vostre domande.

    Per questo motivo abbiamo deciso di condensare in questo articolo qualche utile consiglio dedicato alla forma fisica durante e dopo la gravidanza: attività fisica, motivazione, alimentazione. Anche in questa delicata e importantissima fase della vita, Compex è al tuo fianco come alleato del tuo benessere.

     

    ELETTROSTIMOLAZIONE E ADATTAMENTI DEL CORPO IN GRAVIDANZA

    Anche se sei una grande appassionata di fitness e ami allenarti ogni giorno, la gravidanza porterà dei cambiamenti alla tua routine di allenamento: è del tutto normale e non dovresti preoccupartene! Ma come conciliare la volontà di tenersi in forma con questa nuova fase della vita?
    Prima di tutto occorre precisare che, in linea di massima, alcuni sport dovrebbero essere evitati durante la gravidanza. Qualunque attività che comporti un forte impatto come correre o saltare, può infatti avere effetti negativi. Tuttavia, se ami le attività cardio, puoi comunque aumentare la frequenza cardiaca senza saltare, ad esempio con una macchina ellittica. Si sente dire troppo spesso che non ci si deve allenare durante la gravidanza, ma questo non è vero! Rimanere attivi darà grandi benefici al tuo corpo: naturalmente, non dovrai  spingerti oltre i tuoi limiti né sforzarti eccessivamente in questo periodo particolarmente delicato. Se vuoi rimanere attiva, assicurati di farlo nel modo giusto e consulta il tuo medico, che saprà darti i giusti consigli per continuare il tuo percorso di fitness durante la gravidanza.

    Come riuscire a mantenere la motivazione, con tutti i cambiamenti che il corpo subisce?
    Se ti piace praticare sport e fare movimento, non sarà così difficile rimanere attivi. Dovresti vedere l'allenamento come un momento tutto per te. E se non hai voglia di allenarti in palestra o di fare i tuoi allenamenti regolari, perché non provare nuovi sport o attività diverse dal solito? Può essere un’opportunità, ad esempio, per provare con il nuoto o il pilates, oppure con lo yoga: approfittane per testare nuovi percorsi di benessere che potresti amare a lungo termine.

    Come accettare che il proprio corpo cambi?
    Vedere il proprio corpo cambiare forma potrebbe anche essere scioccante all’inizio, perché si tratta di qualcosa di cui non hai davvero il controllo. Ma essere incinta è un'esperienza così magica, che accetterai rapidamente i cambiamenti del tuo corpo. Godersi l’esperienza di diventare madre è molto più importante che perdere gli addominali per un paio d'anni. Il tuo corpo potrà essere diverso dopo la gravidanza e prima lo accetti, meglio ne affronterai le trasformazioni.

    Quanto è importante l’alimentazione?
    In una routine di fitness non è mai l'allenamento la parte difficile, bensì la nutrizione. Il 70% dei progressi avviene attraverso l'alimentazione. L'unica cosa a cui dovresti assolutamente prestare attenzione è lo zucchero raffinato: che tu sia incinta o no, non è salutare, ma in caso di gravidanza sarebbe bene evitarlo. Oltre a questo, non stressarti troppo: assicurati che ciò che mangi sia della migliore qualità possibile, assumi dei grassi sani indispensabili per la crescita del tuo bambino e ricorda sempre che la salute del tuo bambino dipenderà anche da come hai mangiato durante la gravidanza.

    Come usare il proprio elettrostimolatore Compex in gravidanza?

    Prima di tutto con i programmi di massaggio e antidolore. Dalla tens al programma gambe pesanti... Compex vi aiuterà ad alleviare l'affaticamento dai punti più sotto sforzo.

    Per invece mantenere la forma fisica, consigliamo di utilizzare il programma capillarizzazione sugli arti inferiori. E' possibile utilizzare anche altri programmi, tuttavia sempre meglio rivolgersi ad un personal trainer certificato Compex o usufruire del servizio di formazione online personalizzato, per poter valutare al meglio cosa fare e come.

    ELETTROSTIMOLAZIONE E GRAVIDANZA: DOPO IL PARTO

    Dopo quanto tempo ricominciare a fare esercizio fisico?
    È opportuno sottoporsi alla riabilitazione del pavimento pelvico prima di tornare alla corsa, agli allenamenti ad alto impatto e all’attività fisica in generale. La riabilitazione del pavimento pelvico può durare da 1 a 2 mesi a seconda del decorso della gravidanza e di come è andato il parto. L’elettrostimolazione Compex può essere un valido ed efficace aiuto in questo periodo di riabilitazione, perché aiuta a tonificare gli addominali più velocemente in quanto lavora i muscoli molto più in profondità rispetto a un semplice allenamento.

    Come riuscire a tornare rapidamente alle tue abitudini alimentari?
    L'allattamento al seno non ti farà tornare alla normalità: allattare è un’attività che richiede un grande dispendio energetico e pertanto fa venire appetito! Il tuo corpo ha bisogno di grasso per produrre latte ed è naturale avere il desiderio di mangiare molto. Niente paura: il modo in cui il corpo risolve questo problema è incredibile. Il consiglio è di continuare a mangiare cibi sani, evitare lo zucchero raffinato e magari farsi aiutare da un professionista che possa guidarti in questo particolare periodo della vita fornendoti i giusti consigli nutrizionali.

    Come accettare chi sei ora?
    Quando diventi madre, la tua attenzione si sposta da "te stessa" a "i tuoi figli". Inevitabilmente si perdono un pò di quelle attenzioni che prima riservavamo a noi stesse e al nostro corpo. Può essere più difficile per alcune madri poiché i cambiamenti che attraversiamo possono essere molto diversi da una donna all'altra. Ma diventare mamma è uno stato completamente nuovo e questa è la cosa più importante da ricordare.
    Teniamo sempre a mente che non importa che aspetto hai, o quanto pesi. Finché stai facendo di tutto per diventare la versione migliore di te stessa, sei sulla strada giusta e dovresti essere orgoglioso di te stessa e il sorriso dei tuoi bambini sarà sempre più appagante di una forma fisica perfetta!

    COMPEX ITALIA SEMPRE CON TE

    Siamo al tuo fianco e a quello di tantissimi atleti, amatori e persone qualsiasi, dalla ricerca della performance, al recupero post infortunio, dal massaggio post fatica alla cura degli inestetismi.

    In Compex abbiamo un solo obiettivo: il benessere delle persone.

    Leggi i consigli dei nostri esperti sul blog ufficiale, gli approfondimenti specifici iscrivendoti al nostro Strava Club, guarda le interviste ai nostri atleti sul canale YouTube e seguici su Facebook e Instagram per non perdere nessuna novità. Ascolta anche il podcast di Compex Italia, su Spotify o alle principali piattaforme di streaming audio.

  7. Compex e sostenibilità: i risultati di Run to Save The Planet

    Compex e sostenibilità: i risultati di Run to Save The Planet

    Abbiamo lanciato una sfida di sport e sostenibilità e vogliamo ringraziare tutti quanti hanno deciso di partecipare, a cominciare dai vincitori: Luana e Marco, che hanno corso per tantissime ore nella settimana di "Run to Save The Planet".

    Abbiamo inviato a loro e ai primi 30 uomini e 30 donne un albero della Foresta Compex.

    Compex, sport, fitness e la sfida della sostenibilità

    Compex è un brand parte di una delle più grandi realtà medicali al mondo: DJO Global.

    Essere sostenibili rappresenta per noi una sfida che dobbiamo coniugare con il rispetto di standard di prodotto molto particolari. Stiamo da qualche tempo muovendo passi importanti per assicurare che i nostri prodotti, oltre a fare del bene a chi li usa, siano sempre più rispettosi dell'ambiente.

    Siamo orgogliosi di aggiungere alle nostre iniziative gli alberi della Foresta Compex, la foresta di chi ama lo sport, il fitness e il benessere e vuole affermare che essere attivi non rappresenta solo un modo per stare meglio: significa anche essere in armonia con l'ambiente che ci circonda, rispettarlo e difenderlo.

    Se anche tu credi nel nostro messaggio, puoi aggiungere il tuo albero.

    I risultati ottenuti

    Gli oltre 200 alberi Compex sono stati piantati tramite Treedom, un'organizzazione che fornisce agli agricoltori in diverse zone del mondo il supporto necessario a piantare e coltivare alberi da frutto.

    Un primo risultato è quindi supportare il lavoro di comunità agricole in 5 paesi: Ecuador, Guatemala, Haiti, Kenya e Tanzania.

    Il risultato più tangibile è l'abbattimento di ben 59400 kg di CO2. L'equivalente di più di 12 volte il giro del mondo in aereo.

    Ma non ci fermiamo, continuate a seguire Compex per aggiornamenti ed iniziative.

    COMPEX ITALIA SEMPRE CON TE

    Siamo al tuo fianco e a quello di tantissimi atleti, amatori e persone qualsiasi, dalla ricerca della performance, al recupero post infortunio, dal massaggio post fatica alla cura degli inestetismi.

    In Compex abbiamo un solo obiettivo: il benessere delle persone.

    Leggi i consigli dei nostri esperti sul blog ufficiale, gli approfondimenti specifici iscrivendoti al nostro Strava Club, guarda le interviste ai nostri atleti sul canale YouTube e seguici su Facebook e Instagram per non perdere nessuna novità. Ascolta anche il podcast di Compex Italia, su Spotify o alle principali piattaforme di streaming audio.

  8. RICOMINCIARE AD ALLENARSI DOPO UNA LUNGA PAUSA

    RICOMINCIARE AD ALLENARSI DOPO UNA LUNGA PAUSA

    In questo articolo vi illustriamo cinque importanti fattori da prendere in considerazione per ricominciare ad allenarsi dopo un periodo di stop prolungato: l’alimentazione, la motivazione, le abitudini di allenamento, i condizionamenti esterni e gli obiettivi che ci si prefigge.

     

    1 – RICOMINCIARE A MANGIARE SANO

    Il peso non è l'indicatore numero uno del livello di forma fisica e non bisognerebbe preoccuparsene troppo, a meno che non si gareggi in uno sport con classi di peso. Tuttavia, il peso può essere un modo per misurare le nostre abitudini alimentari e un utile campanello d’allarme che può avvertirci se stiamo mangiando troppo o troppo poco. Rimanere inattivi per un lungo periodo di tempo può facilmente portare a un aumento di peso indesiderato.

    Quale consiglio dare a coloro che tornano ad allenarsi, per riprendere le sane abitudini alimentari? Prima di tutto puntualizziamo che dipende dal livello di forma fisica: per una persona allenata, è più facile avere un approccio rigoroso da subito e imporsi regole restrittive per le prime due settimane e tornare quindi alla forma desiderata in tempi brevi. Se, invece, parliamo di un appassionato di fitness inesperto, non è consigliabile stravolgere le abitudini alimentari troppo velocemente, ma è preferibile procedere per gradi, altrimenti i risultati sperati non arriveranno. La parola "dieta" non piace a nessuno; piuttosto è meglio parlare di piccoli cambiamenti da mettere in atto giorno dopo giorno. Per prima cosa eliminare le bevande extra, poi ridurre gli spuntini, sostituendoli ad esempio con delle verdure... piccoli passi che possono fare la differenza. Se riduciamo troppo il cibo e troppo velocemente, infatti, si corre il rischio di vedere sfumare l’obiettivo dopo pochissimo tempo.

     

    2 – TROVARE LA GIUSTA MOTIVAZIONE

    Non potersi allenare per un periodo di tempo prolungato ha effetti sia sul corpo che sulla mente. Alcune persone non vedranno l’ora di tornare in palestra ad allenarsi e ricominciando troppo intensamente potrebbero rischiare infortuni; altre persone potrebbero aver perso la motivazione e troveranno difficile riprendere il giusto ritmo. In entrambi i casi, come tornare ad allenarsi? Non dobbiamo necessariamente pensare di tornare in palestra e ritrovare la motivazione e l’entusiasmo che avevamo prima... Le cose nel frattempo possono essere cambiate! Tuttavia, una cosa che è rimasta invariata è il beneficio che il nostro corpo trae dal movimento e dall’attività sportiva. Che si tratti di 10, 30 o 50 minuti, praticare attività fisica almeno due volte a settimana ci darà enormi benefici. La motivazione tornerà lentamente ma inesorabilmente e vedere il nostro corpo cambiare e adattarsi è la migliore spinta che possiamo desiderare! È importante cercare di non cedere alla tentazione di strafare, ma rispettare i propri tempi. Come per l’alimentazione, la chiave del successo è procedere per piccoli passi per tornare alla propria routine di allenamento con gradualità. In questa fase può essere di grande aiuto un compagno di allenamento o un allenatore: avere qualcuno cui “rendere conto” è il modo migliore per rimanere motivato. Se possiedi un Compex, ti consigliamo di utilizzare l'app Compex Coach per pianificare le tue sessioni di allenamento, condividere i risultati con i tuoi amici e visualizzare i tuoi progressi.

     

    3 - TORNARE ALLA PROPRIA ROUTINE DI ALLENAMENTO... sì o no?

    Molte persone hanno sempre le stesse abitudini di allenamento: allenarsi nello stesso momento del giorno, mangiare  alla stessa ora, dormire più o meno la stessa quantità di ore ogni notte, ecc. Quando si interrompe questa abitudine per un determinato periodo di tempo, si fa molta più fatica a riprendere. Quindi come fare a riprendere le vecchie abitudini? In una situazione simile il tempo può diventare un alleato: diamoci tempo, ricominciamo lentamente e senza fretta, ma in modo sicuro. Inoltre, dovremmo essere aperti al cambiamento e, se necessario, modificare le nostre abitudini di allenamento senza necessariamente pretendere che tornino uguali e identiche a come erano prima. Non dimentichiamoci che variare il tipo di esercizi o il metodo di allenamento può fare miracoli al tuo corpo. Allora perché non iniziare provando qualcosa di nuovo? Allenamento a corpo libero, yoga, allenamento con Compex... Prova nuovi sport e metodi di allenamento: il tuo corpo ti ringrazierà!

     

    4 – NON FARSI TROPPO CONDIZIONARE DAGLI ALTRI

    Questo è un punto che viene troppo spesso trascurato, ma in realtà è più importante di quanto pensiamo: l’influenza che i nostri amici e la nostra famiglia hanno sulle nostre scelte di vita è enorme. Come gestire le  relazioni più strette quando si tratta della nostra motivazione per allenarci e avere uno stile di vita sano? Occorre distinguere tra i diversi tipi di rapporti interpersonali: gli amici più stretti e le persone intorno a noi che sono le più vicine alle nostre abitudini di allenamento. Avere amici con cui uscire la sera a cena o a festeggiare non è un problema, a patto di avere anche una cerchia di amici di allenamento per essere spronati a rimanere in linea con i nostri obiettivi. Ancora una volta, si tratta di una questione di equilibrio.

     

    5 – DEFINIRE GLI OBIETTIVI

    Stabilire degli obiettivi può essere difficile. Il modo in cui scegliamo un obiettivo può dirci immediatamente se avremo  successo nel portarlo a termine oppure no. Sentiamo spesso persone dire: "Voglio essere più forte" o "Voglio perdere grasso". Queste dichiarazioni di intenti non vengono quasi mai portate a compimento. Il motivo è che non possono essere misurate. Come fare dunque a stabilire gli obiettivi nel modo giusto?
    Il primo passo è definire chi vogliamo diventare. Un atleta professionista, una mamma in forma, avere un bel fisico al momento fatidico della prova costume: i metodi per raggiungere questi obiettivi richiedono tutti approcci diversi.
    Dopo avere definito l’obiettivo, è utile costruire un percorso in dieci fasi verso la sua realizzazione. Questi passaggi devono essere piccole sfide, raggiungibili, misurabili e realistiche. Ad esempio, il primo passo potrebbe essere mangiare tre frutti al giorno questa settimana o dedicarsi all’attività fisica per 20 minuti al giorno per tre volte alla  settimana. Si tratta di piccoli passi, micro-obiettivi misurabili e realistici che apriranno la strada al successo nel tuo percorso di fitness!

     

    COMPEX ITALIA SEMPRE CON TE

    Siamo al tuo fianco e a quello di tantissimi atleti, amatori e persone qualsiasi, dalla ricerca della performance, al recupero post infortunio, dal massaggio post fatica alla cura degli inestetismi.

    In Compex abbiamo un solo obiettivo: il benessere delle persone.

    Leggi i consigli dei nostri esperti sul blog ufficiale, gli approfondimenti specifici iscrivendoti al nostro Strava Club, guarda le interviste ai nostri atleti sul canale YouTube e seguici su Facebook e Instagram per non perdere nessuna novità. Ascolta anche il podcast di Compex Italia, su Spotify o alle principali piattaforme di streaming audio.

  9. Correre insieme per l'ambiente! #RunToSaveThePlanet

    Correre insieme per l'ambiente! #RunToSaveThePlanet

    Correre nella natura è tra le attività più belle, per uno sportivo come per chi vuole semplicemente stare bene con il proprio corpo.
    Dobbiamo però ricordarci che la libertà di correre nel verde non è scontata: dobbiamo impegnarci ogni giorno per difendere il pianeta su cui viviamo.

    Oggi puoi fare la differenza: corri con noi e partecipa a #RunToSaveThePlanet.
    Iscriviti allo Strava Club Compex Italia, registrati online e partecipa anche tu!

    Run To Save The Planet: insieme possiamo fare qualcosa di grande!

    In occasione della Giornata della Terra, Compex invita tutti a correre nella natura... per una settimana!

    Per te sarà una sfida, per noi un passo verso un lungo processo di riuduzione e compensazione delle emissioni di CO2: non solo come azione concreta per una riduzione dell’inquinamento, ma anche come atto simbolico a sostegno del proprio impegno ecosostenibile.

    Come partecipare a #RunToSaveThePlanet?

    Come funziona “Run to Save the Planet”? Semplice: durante la settimana compresa tra il 19 e il 25 aprile i runner iscritti al gruppo Compex Italia sulla piattaforma Strava e registrati al form online, potranno registrare i propri allenamenti e sfide con gli amici.

    I due primi classificati (chi avrà corso di più) riceveranno un completo da corsa (maglia e pantaloncini) firmato Compex e un albero della Foresta Compex, come riconoscimento per essere stati i maggiori contributori nella sfida!

    Le prime 30 donne e i primi 30 uomini in classifica riceveranno un albero della foresta Compex in regalo.

    Per tutti coloro che parteciperanno alla sfida ci sarà un codice sconto del 20% valido su tutti i prodotti Compex in vendita sul sito.

    Non dimenticare inoltre di scattare una fotografia del posto in cui corri taggando Compex Italia e usando #RunToSaveThePlanet: posteremo le migliori!

    Riepilogando:

    Correre per il pianeta... perchè?

    Perchè correre con noi? Per aiutarci a piantare i primi 200 alberi della Foresta Compex.

    Proprio così: tramite la piattaforma Treedom, che si occuperà di certificare l’intero procedimento, piantando alberi che serviranno anche a sostenere le economie locali.

    Da oltre 30 anni Compex si occupa del benessere delle persone: è il momento di farlo anche prendendoci cura de nostro pianeta.

    Con la Foresta Compex iniziamo un percorso che ci porterà a raggiungere insieme nuovi obiettivi.

    Allenati, usa Compex e pianta un albero nella nostra foresta... Lo sport salverà il pianeta!

    [embed]https://youtu.be/2et7IhTw_Vw[/embed]

    COMPEX ITALIA SEMPRE CON TE

    Siamo al tuo fianco e a quello di tantissimi atleti, amatori e persone qualsiasi, dalla ricerca della performance, al recupero post infortunio, dal massaggio post fatica alla cura degli inestetismi.

    In Compex abbiamo un solo obiettivo: il benessere delle persone.

    Leggi i consigli dei nostri esperti sul blog ufficiale, gli approfondimenti specifici iscrivendoti al nostro Strava Club, guarda le interviste ai nostri atleti sul canale YouTube e seguici su Facebook e Instagram per non perdere nessuna novità. Ascolta anche il podcast di Compex Italia, su Spotify o alle principali piattaforme di streaming audio.

  10. COMPEX MEETS... MATTEO CATTINI

    COMPEX MEETS... MATTEO CATTINI

    Diamo il benvenuto nella famiglia Compex a Matteo Cattini, campione di powerlifting, ambasciatore dello sport paralimpico e capitano della nazionale paralimpica di pesistica.

    Matteo Cattini

     

    Qual è il credo che nella vita ti aiuta ad affrontare tutte le sfide?

    “Insisti Resisti Conquista” è il mio credo, l’ho anche tatuato addosso. Ogni sfida va affrontata con ogni mezzo, insistendo con le proprie forze, resistendo nei momenti più difficili per poi infine arrivare a conquistare la vetta.

     

    Quale consiglio daresti a coloro che vogliono raggiungere il proprio obiettivo sportivo?

    Innanzitutto, non è importante il livello dell’obiettivo. Nello sport, e mi permetto di dire in particolare in quello paralimpico, il valore va sempre oltre la medaglia. La cosa fondamentale è dare il massimo, essere sempre presenti ai propri impegni, lavorare con costanza perché i risultati arrivino. È un percorso difficilissimo, pieno di imprevisti e di situazioni che ti possono portare anche solo a pensare di mollare, a dire che in realtà non ne vale la pena. Io dico che i sacrifici non sono mai fini a se stessi, per questo bisogna sempre dare il 100%, ascoltando le esigenze del proprio corpo e della propria mente in maniera costruttiva.

     

    Quali vantaggi o benefici ha apportato COMPEX nelle tue performance?

    Ho conosciuto COMPEX a seguito del mio incidente in moto. È stato uno strumento fondamentale per il recupero fisico, muscolare, ma anche per lenire il dolore dovuto a delle contratture post-trauma. Per quanto riguarda l’attività fisica, il mio sport è fra i più gravosi a livello muscolare. L’uso consapevole del COMPEX, con numerosi programmi appositi pre e post performance, risulta fondamentale sia per una migliore preparazione allo sforzo, sia per un recupero necessario dopo aver lavorato con carichi molto pesanti.

     

    Quali sono i tuoi programmi preferiti e quando li utilizzi?

    I miei programmi preferiti sono quelli per il recupero post allenamento. Inoltre, uso spesso anche programmi per il rilassamento muscolare.

     

    Qual è l’ultimo obiettivo prefissato nella tua carriera?

    Domanda molto difficile…per il momento rispondo che voglio assolutamente partecipare a un’altra Paralimpiade, dopo quella di Rio 2016. Per il resto mi piace pormi sempre nuovi obiettivi, e chissà cosa mi riserverà il futuro.

     

    www.matteocattini.com

     

    COMPEX ITALIA SEMPRE CON TE

    Siamo al fianco di Matteo Cattini e di tantissimi atleti, amatori e persone qualsiasi, dalla ricerca della performance, al recupero post infortunio, dal massaggio post fatica alla cura degli inestetismi.

    In Compex abbiamo un solo obiettivo: il benessere delle persone.

    Leggi i consigli dei nostri esperti sul blog ufficiale, gli approfondimenti specifici iscrivendoti al nostro Strava Club, guarda le interviste ai nostri atleti sul canale YouTube e seguici su Facebook e Instagram per non perdere nessuna novità. Ascolta anche il podcast di Compex Italia, su Spotify o alle principali piattaforme di streaming audio.

1 elementi di 10 di 129 totali